Ultima modifica: 7 Gennaio 2019

Versamento assicurazione alunni

                                                                       AI GENITORI DEGLI ALUNNI

Oggetto: Invito a versare il contributo per l’assicurazione – a.s. 2018/19

La presente lettera è indirizzata a tutti i genitori per informarli e per spiegare le ragioni per le quali è importante tutelare gli alunni e le famiglie attraverso la polizza assicurativa integrativa.

Gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado sono equiparati ai lavoratori dipendenti, essi, pertanto, godono della copertura assicurativa INAIL obbligatoria contro gli infortuni che viene attuata mediante la gestione diretta per conto dello Stato. Tale copertura assicurativa obbligatoria fornita dallo Stato non copre tutti i momenti in cui gli alunni si trovano nei locali della scuola. Gli alunni sono coperti soltanto nei casi di partecipazione ai laboratori e alle attività di educazione fisica.

Solo quando l’incidente avviene nelle predette condizioni, e solo quando supera i tre giorni di prognosi, diventa “infortunio sul lavoro” e si ha diritto alla copertura assicurativa dell’INAIL. In tutti gli altri casi non c’è la copertura assicurativa, in particolare va evidenziato che non c’è mai la (Responsabilità Civile verso Terzi).

Se, ad esempio, un alunno cade e subisce dei danni fisici e/o si rompe gli occhiali durante la normale attività didattica, questo incidente non è coperto dall’assicurazione fornita dallo Stato e tutte le spese sono pertanto a carico dei genitori. Lo stesso vale se un alunno crea un danno sia fisico che materiale ad un altro alunno o a cose di un terzo. Le spese per i danni creati da quest’alunno durante l’attività scolastica sono interamente a carico dei suoi genitori (Responsabilità Civile Terzi). Restano senza copertura assicurativa anche le attività effettuate all’esterno dell’edificio scolastico, come le gite di istruzione, scambi culturali, visite a musei o la partecipazione a particolari eventi. In questa situazione gli alunni, i cui genitori non hanno aderito alla polizza “integrativa”, proposta in convenzione dalla scuola, e che non dispongono di una propria polizza RCT e Infortuni con massimali adeguati, non potranno partecipare a tutte le attività extra scolastiche che potrebbero configurare una responsabilità sia a carico della scuola (culpa in vigilando) sia a carico dei genitori (culpa in educando).

La polizza integrativa è un contratto fatto in convenzione per consentire alle singole famiglie di poter usufruire dei seguenti vantaggi:

  • un’estensione della garanzia degli Infortuni a tutte le attività scolastiche ed extra scolastiche svolte degli alunni;
  • una garanzia Responsabilità Civile Terzi;
  • la garanzia Tutela Legale;
  • la garanzia Assistenza;
  • l’insieme delle suddette garanzie ad un prezzo molto contenuto.

Per ottenere ciò è consuetudine che il contratto assicurativo sia stipulato dall’Istituto (Contraente) e pagato dai genitori (Beneficiari).

L’Istituto ha valutato, dopo aver effettuato una procedura negoziata di scelta del contraente, come prevede e consente la normativa vigente, le migliori condizioni offerte dalle varie compagnie assicurative e scelto l’offerta economicamente più vantaggiosa, ma non può autonomamente (non avendone i mezzi finanziari) farsi carico del relativo onere. La polizza assicurativa, dunque, deve essere a carico del Beneficiario, ovvero deve essere pagata dai genitori degli alunni.

È sulla base di queste considerazioni che si ritiene importante il versamento del contributo relativo all’assicurazione per la tutela dei minori durante l’attività scolastica nel suo insieme, pertanto, si invitano tutti i Genitori a effettuare il versamento di € 5,50 (CINQUE /50) per garantire ai propri figli la copertura dell’assicurazione integrativa e si suggerisce di farlo per il tramite dei Rappresentanti di Classe.

Le modalità di versamento possono essere le seguenti, avendo cura di indicare nella causale “Quota assicurazione AS 2018/19 – per l’alunno_____, classe____: versamento tramite bollettino intestato al n° 264903 servizio di tesoreria e che può essere pagato alla posta o presso le ricevitorie site nei tabacchi

Si precisa che, se il bollettino è cumulativo dell’intera classe bisognerà specificare i nominativi di ogni alunno.

Qualora il genitore abbia già provveduto al pagamento del contributo volontario per l’anno scolastico 2018_2019 non dovrà versare la quota assicurativa in quanto già compresa, ma ciò dovrà essere dimostrato dalla dichiarazione che verrà verificata dalla presenza nel fascicolo dell’alunno. Si ringrazia per la collaborazione.

Il Dirigente Scolastico

  Dott. Maria Luisa Randazzo

Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell’art.3, comma 2 del decreto legislativo n.39/1993